Sei il visitatore 

Emiliano D'Alessandro

Promuovi anche tu la tua Pagina
Emiliano D'Alessandro

Crea il tuo badge

Per la mia pagina personale Facebook clicca qui in alto.

Acquista alla Feltrinelli

Un giorno come ieri

 La collina dei fuochi fatui

Puoi scaricare il libro anche dall'Apple ibook store

 Canale ufficiale

Home

Anche nella versione in inglese

A found manuscript opens the door to the inaccessible theme of the pursuance of truth at all costs. In another era, gossip, envy and scandals trace the telling of this allegorical and intangible novel, like the protagonists with their distorted masks. A stout provincial physician, a blacksmith, a priest, a pharmacist, a young married couple, a young girl . . . and a deceptive parade of evidence and denials, brings us at a completely unexpected conclusion. A narrative in a seemingly distant context, however, mostly, it is a sad metaphor for the rumors that are at first ridiculed, then ravished and finally challenged. A melancholy tale concerning the inconsolable awareness of those who subsist only on their interpretations of the truth.

 

Fresco di stampa

E' ormai ufficiale: il mio nuovo romanzo è presente in tutti gli store nel moderno formato eBook e dispositivi Kindle. Per chi è impaziente di natura, per chi “si sta leggendo sotto” o per chi preferisce semplicemente leggere libri sul proprio dispositivo mobile (e desidera immergersi tra le pieghe eterne di un’altra epoca) può scaricarlo a prezzi popolari dalle principali librerie online. (Feltrinelli, Rizzoli, Mondadori ecc.) Se amate sentire l'odore della carta stampata basta un click, e sarà presto tra le vostre mani. Buone letture.

Leggi la sinossi

Leggi l'estratto

...e se lo dicono loro...!

La collina dei fuochi fatui

Attraverso una narrazione concreta, Emiliano D'Alessandro, racconta l’oscura tragedia che ha visto come protagonisti dodicimila ragazzi del nostro regio esercito, i “figli di mamma” della Divisione Acqui del generale Antonio Gandin stanziata sull’isola di Cefalonia in Grecia.
     Era il mese di settembre del 1943 quando si doveva decidere se cedere le armi ai tedeschi o “resistere” per onorare la Patria: prevalse l’idea che “sull’arma si cade ma non si cede”, e così avvenne!
     Un affascinante reportage sul nostro passato, un’utile retrospettiva per mettere a fuoco un avvenimento che attende ancora di definire il proprio ruolo nella storia di quegli anni, ma anche la vicenda personale e umana di Salvatore Di Rado, ancora troppo giovane per morire, forse l’unico “superstite fucilato” della seconda guerra mondiale, testimone della propria odissea illuminata da un imprevisto amore tormentato, da un’amicizia che si consolida giorno dopo giorno e dalla visione di luoghi incantati.
     Attraverso il protagonista, simbolo della gioventù sacrificata, abbandonata e infine dimenticata, il romanzo rievoca la storia italiana e una guerra sciagurata che il mondo sembra aver voluto dimenticare. Una singolare narrazione dove ogni vicenda ne ingoia un’altra, per poi precipitare e ribollire tutte insieme nel calderone caricaturale della storia ormai defraudata da un qualunquismo dilagante.
     Un testo coinvolgente, che risveglia la coscienza civile, a tratti brillante e ironico, ma soprattutto un atto di verità che ricostruisce da un’angolazione inedita una tragedia mai abbastanza indagata.

Copertina del premio César, Tanino Liberatore

Ascolta l'autore che legge l'incipit de "La collina dei fuochi fatui"

Un appuntamento importante.

 

 

Recensioni

Così scrivono di lui. All'interno alcune recensioni alle opere dello scrittore. 

 

 

Programma Tv "Libri nell'Ombra"

...perchè se è vero che chi legge sa molto, e chi osserva sa molto di più, con "LIbri nell'Ombra" cerchiamo di realizzare un congruo connubio!

 

 

Servivi televisivi

All'interno troverete la maggior parte dei servizi televisivi (e le tante interviste) effettuate da Emiliano D'Alessandro.

 

 

La voce delle Vostre immagini

Le foto sono l'immagine di un'idea e raccontano storie diverse, grazie per questi colorati concetti che bussano alla mia testa come pensieri immortali. 

La ricchezza di un uomo veniva valutata in base al numero dei suoi libri e dei cavalli nella sua scuderia.
(Timbuctù, intorno al 1500)

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© emilianodalessandro Tutti i diritti riservati